inglese italiano  facebook  twitter  Contattaci

HOME> LIFE +: BAGOLINO PORTA A BRUXELLES UN PROGETTO INNOVATIVO PER L’AGRICOLTURA DI MONTAGNA

LIFE +: BAGOLINO PORTA A BRUXELLES UN PROGETTO INNOVATIVO PER L’AGRICOLTURA DI MONTAGNA


Con la candidatura nel programma Europeo LIFE+ di un progetto sulla qualità delle Malghe e sui Servizi Ecosistemici dei prati e pascoli montani denominato Mountain IEMS (Implementing Environmental Management System in qualitative Mountain agriculture), l’Amministrazione Comunale di Bagolino si fa capofila e portavoce della necessità di sostenere le attività agricole della montagna quale elemento fondamentale per l’economia locale, ma anche per la salvaguardia del paesaggio, la tutela della biodiversità e la cultura e la tradizione dei luoghi.

L’obiettivo principale dell’iniziativa è attivare un trend positivo per l'economia locale, sulla base di un percorso che renda sempre più evidente il concetto di qualità ambientale come parte fondamentale delle attività produttive realizzate nel contesto montano. Per queste ultime, risulta fondamentale mettere in evidenza, quantificare e qualificare i servizi ambientali svolti dagli agricoltori.

Le amministrazioni locali, gli agricoltori ed altri portatori di interesse saranno quindi chiamati a collaborare in maniera attiva per valorizzare il legame esistente tra il prodotto locale, nello specifico il formaggio Bagoss, e il paesaggio montano delle malghe e dei prati pascoli e quindi la biodiversità dei luoghi.

Questo percorso richiede anche investimenti ed azioni volte a mettere in evidenza la qualità e ovunque necessario migliorare i servizi produttivi nell’ottica di una riqualificazione complessiva del Sistema di Gestione Ambientale. Il progetto prevede anche il recupero di superfici prative oggi in abbandono e il miglioramento nelle attività di gestione dei reflui zootecnici al fine di garantire le migliori condizioni del sistema delle acque, con particolare riferimento anche ai problemi di eutrofizzazione del Lago d’Idro.

Il progetto LIFE+, sviluppato con il contributo del GAL GardaValsabbia, se finanziato, si articolerà nell’arco di tre anni a partire dalla seconda metà del 2014. È in linea con gli obiettivi strategici per la Montagna di Regione Lombardia e ha un valore complessivo di circa 1,4 milioni di euro finanziati al 50% dall’Unione Europea. Al termine, il territorio di Bagolino avrà realizzato un sistema di qualità e di monitoraggio compatibile con le disposizioni europee in materia certificazione ambientale e in particolare con i requisiti di EMAS III con l’ambizione di poter sviluppare per la prima volta in Europa un sistema di Malghe o meglio di alpicoltura  di qualità certificata.

All’iniziativa progettuale ha aderito anche l’altopiano di Tremosine che tramite la realtà cooperativa Alpe del Garda ha già realizzato investimenti ed iniziative volte a rafforzare il legame tra qualità del prodotto e del territorio. Significativo è il recente avvio produttivo di un impianto a Biogas volto a produrre energie rinnovabili da reflui zootecnici con annesso processo di denitrificazione del digestato.

Importante è anche l’adesione al progetto del Consorzio Terra tra i due laghi della Valvestino dove, come afferma il Presidente Davide Pace – “l’avanzato abbandono dei pascoli montani ci spinge verso nuove soluzioni idonee a recuperare gli spazi aperti oggi in forte riduzione per l’inesorabile avanzata del bosco. Tale necessità è da ritenersi prioritaria per il mantenimento di habitat e specie di interesse comunitario in uno dei più importanti Siti Natura 2000 del nostro Paese”.

Anche in questo caso il valore del territorio era legato all’attività tradizionale che si esprimeva attraverso prodotti locali di qualità. Si pensi al formaggio Tombea, ritenuto insieme al Bagoss uno dei migliori formaggi stagionati d’alpeggio e la cui importanza è testimoniata dall’esistenza di un analogo presidio Slow Food. Il recupero del prodotto non può passare altro che da un progressivo recupero delle attività silvo-pastorali come sinonimo di processi di gestione dell’ambiente basati sulla qualità.

Riuscire a mettere del tutto in luce il valore ambientale di un prodotto locale, quale il formaggio Bagoss, ma lo stesso potrebbe dirsi per il Tombea o per il Garda Stagionato, contribuirà anche a giustificarne il prezzo sul mercato e a far capire la differenza con prodotti privi di legame con il territorio.

Ciò che ci si attende - dice Gianluca Dagani Sindaco di Bagolino - è un impulso positivo all’economia locale secondo un percorso innovativo, ma fortemente basato sulle le attività tradizionali dove il rafforzamento del legame tra prodotto e territorio passa attraverso la valorizzazione a tutto campo della Qualità”.



Recapiti

GAL-GARDAVALSABBIA scarl
Via Mulino Vecchio, 4
25087 Barbarano Salò (BS)
tel: 0365 21261
fax: 0365 20944
P.IVA/CF: 02356600987

E-mail | PEC
www.gal-gardavalsabbia.it
www.laterratraiduelaghi.it

Altri Servizi

Newsletter